Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Tiro, subacquei localizzano undici relitti del tempo di Alessandro Magno

Undici relitti datati intorno al IV secolo a.C. sarebbero stati individuati da un team di subacquei a 35 metri di profondità, nella acque a sud della città di Tiro, nel Libano meridionale. La scoperta, annunciata dal presidente dell'associazione dei subacquei libanesi, Mohammad Sarji, tramite l'Agence Nationale de l'Information, sarebbe legata all'assedio dell'antica città da parte di Alessandro Magno, nel 332 a.C.

Come raccontano le fonti, infatti, Alessandro avrebbe conquistato Tiro, a quel tempo su un'isola, costruendo un grande terrapieno, sul quale avrebbe fatto marciare la sua poderosa armata. Le navi, a detta degli scopritori ritrovate cariche di pietre, sarebbero state utilizzate proprio per questa grandiosa opera militare, che finì per unificare definitivamente la città alla terraferma.
Saranno in ogni caso le ricerche archeologiche subacquee a chiarire la cosa.








Ultimi post

Immagine

La nave di Marausa, in esposizione dal 13 aprile

Immagine

Una conferenza per ricordare Sebastiano Tusa. Il 4 aprile a Roma

Immagine

Procida, il Museo Civico dell'isola sarà dedicato a Sebastiano Tusa

Immagine

Baia, la presentazione dei nuovi mosaici al convegno dell'AISCOM

Immagine

Addio a Sebastiano Tusa, gigante dell'archeologia subacquea

Immagine

La villa sommersa di Epidauro: una giornata di studi alla scuola di Atene

Immagine

Roman Ports in Time and Space. Un incontro a Roma

Immagine

Nuova uscita: Archaeologia Maritima Mediterranea, 15, 2018

Immagine

Archeosub cinesi e sauditi al lavoro nel Mar Rosso per documentare antichi scambi commerciali

Immagine

Nuove scoperte: un relitto di I secolo nelle acque di Portofino